John Carpenter approda a Roma

 

Un appassionato di film horror come me non ha potuto esimersi dall’assistere, la sera di domenica 28 agosto,  al concerto del mitico John Carpenter: uno dei registi fanta/horror più rappresentativi della cinematografia internazionale degli ultimi quarant’anni.
Lo show, che ha avuto come cornice l’Auditorium del Parco della musica a Roma, è iniziato come da programma in perfetto orario, con la band (tutta rigorosamente vestita di nero) che sale sul palco insieme al mito (perché tale è) che, con andatura lenta  si è recato alla sua postazione (tastiera/synth) seguito dal figlio Cody Carpenter (tastiere/sintetizzatori) e dal figlioccio Daniel Davies (chitarra principale), coadiuvati  a loro volta da una seconda chitarra, basso e batteria per completare la formazione.
Come supporto all’esibizione rigorosamente live vengono proiettate su un grande schermo posto alle spalle della band scene dai film che hanno dato fama al regista statunitense; quale migliore inizio di  “1997 Fuga da New York“?

Il pubblico, quasi in delirio reagisce alle immagini del mitico Jena Plissken (Snake in originale, alias Kurt Russell, attore feticcio di Carpenter)  come un bambino eccitato alla visione del suo eroe preferito. L’idea  di “rafforzare” la musica con l’ausilio visivo di queste pietre miliari che riportano molti dei presenti (compreso il sottoscritto, naturalmente) all’età adolescenziale risulta decisamente azzeccata.
Lo show procede alternando  alle colonne sonore i brani del nuovo disco “Lost Themes II”, anche se al sottoscritto il concerto più che una promozione dell’ultimo apprezzato lavoro inedito sembra un tributo (doveroso) ai suoi intramontabili lavori da regista.
Carpenter  prosegue il suo viaggio a ritroso nel tempo  suonando altri capolavori come “Distretto 13 – Le brigate della morte” (esiste una famosa versione “house” realizzata alla fine degli anni ottanta dai Bomb the bass)  

alla quale si susseguono la title-track de “La Cosa”, presentata dal regista ricordando la sua collaborazione col Maestro Ennio Morricone (anche se all’epoca si parlò di contrasti accesi tra i due artisti).
Il regista/musicista americano a dir la verità è di  poche parole e non interagisce verbalmente con il pubblico presente (d’altronde non è qui per tenere un comizio e va bene così) anche se in ogni caso il suo humor nero si manifesta sul palco quando insieme alla band indossa (non a caso) un paio di occhialoni neri prima dell’esecuzione di  “Essi vivono“, un altro evergreen targato 1988. concerto1
Nelle quasi due ore la serata è pressoché perfetta per un cinefilo e musicofilo amante degli anni settanta e ottanta, che può godersi fra l’altro (coadiuvata da un’acustica  eccellente) altri  classici  tratti da “Grosso guaio a china town”,

concerto2

“Halloween – La notte delle streghe”, “The fog” e, dulcis in fundo, “Christine la macchina infernale”, con il buon John Carpenter che salutando il pubblico si congeda a passo lento nel backstage, lasciando un bellissimo ricordo per chi come me ha avuto la rara (quasi unica) occasione di vederlo da vivo.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...